News

Gay: Pisapia sul palco a fine manifestazione a Milano (Foto Ansa)(OMNIMILANO) Milano, 27 OTT – “L’avevo detto alla maggioranza di non gioire sulla sentenza del Tar con cui si disconosceva al Prefetto il potere di annullare le trascrizioni dei matrimoni omosessuali contratti all’estero fatte da Pisapia”: lo dichiara Matteo Forte, consigliere comunale di minoranza del gruppo Polo dei milanesi.

“Infatti i giudici amministrativi non entravano nel merito della vicenda, rimandandolo al giudice ordinario. La sinistra di Palazzo Marino in vista della prossima campagna elettorale ha voluto festeggiare lo stesso, ma ora si prende una tegola in testa. Anzi, di più: vede calare una vera e propria pietra tombale sull’amministrazione creativa del Sindaco. La sentenza del Consiglio di Stato, infatti – prosegue Forte -, non poteva essere più chiara nel merito: quelle trascrizioni sono illegittime perché le nozze omosessuali sono prive ‘dell’indefettibile condizione della diversità di sesso fra i nubendi’”.

Conclude Forte: “Pisapia poteva evitare questa figuraccia a sé stesso e al Comune se solo avesse ricordato da giurista che il requisito previsto dall’odierna sentenza del Consiglio di Stato era già stato stabilito dalla storica sentenza della Corte costituzionale n. 138 del 2010″. Conclude il consigliere d’opposizione: “Ma si sa che la campagna elettorale è alle porte, di ciccia amministrativa in questi anni ce n’è poca e si preferisce ripiegare così su iniziative di bandiera per soddisfare almeno la propria base militante”.

Matteo Forte

Comments are closed.