CATEGORIE NEWS

Afghanistan: prima dell’accoglienza Sala esca da ambiguità su islamismo

MOSCHEE, CAIM CHIEDE REVOCA BANDO - FOTO OMNIMILANOMilano, 17 ago – (Nova) – “Sala e la sinistra smettano di essere ambigui e dicano una parola chiara una volta per tutte sui loro rapporti con l’islamismo politico“. lo dichiara in una nota il capogruppo di Milano Popolare a Palazzo Marino, Matteo Forte, in merito al precipitare della situazione in Afghanistan.

Il Consigliere d’opposizione spiega: “Sul sito ‘La Luce’, legato all’Ucoii e diretto da Davide Piccardo, già candidato alla amministrative milanesi del 2011 con Pisapia e poi creatore del Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano (Caim), è comparso un articolo firmato dal padre, Hamza Piccardo, che saluta i Talebani quali rappresentanti del vero popolo afghano e con i quali ‘esiste un robusto tessuto comune: la fede islamica che ci accomuna’. Il testo si conclude con la preghiera che i ‘fratelli’ Talebani ‘sappiano essere giusti e misericordiosi con quelli del loro popolo che per debolezza o altre circostanze si trovano oggi tra gli sconfitti’, i cosiddetti collaborazionisti ricercati in queste ore a Kabul casa per casa”. “Questo – rimarca il consigliere Forte – è il mondo associativo legittimato e accreditato dalla sinistra milanese da dieci anni a Palazzo Marino. Questi sono i Piccardo coccolati per anni dall’assessore Majorino, coinvolti con un loro centro addirittura nell’accoglienza dei migranti; questo è il Caim a cui sono state aperte le porte del Comune, i cui esponenti sono stati candidati e a volte eletti, a cui sono riconosciute e sanate moschee nel Piano delle attrezzature religiose contenuto nell’ultimo Pgt“.

Conclude Forte: “Di fronte alle tragiche immagini che arrivano dall’Afghanistan è giunto il momento che Sala e la sua maggioranza escano una volta per tutte dall’ambiguità che fino a qui ha caratterizzato il loro rapporto con il mondo islamista milanese” (Com)

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: