CATEGORIE NEWS

Formigoni, non si criminalizzano 20 anni di buon governo

240745_169135536479612_4746489_o(OMNIMILANO) Milano, 22 DIC – “Esprimo vicinanza a Roberto Formigoni e amarezza per questa condanna di primo grado”. Lo afferma in una nota Matteo Forte, capogruppo in Comune di Milano Popolare e consigliere comunale. 

“Non posso non notare, però – prosegue Forte -, che l’assoluzione dell’ex dg della Sanità e dell’ex segretario generale confermano la regolarità dell’attività deliberativa delle Giunte guidate da Formigoni che, com’è normale che sia, è opinabile esclusivamente sotto un profilo politico. Il giudizio sulla gestione dell’economia pubblica lombarda e sul sistema sanitario, per quel che mi riguarda, non può che rimanere positivo. Quella di Roberto Formigoni è e rimane un’esperienza di buon governo che ha garantito il contenimento del costo della sanità sul Pil regionale (si tratta del 5,4% certificato dalla Banca d’Italia), la copertura per undici anni consecutivi dei costi con i ricavi anche assicurando un numero adeguato di strutture ospedaliere per ogni milione di lombardi e più basso rispetto alla media italiana (13,8 contro 19,5). Pure questa è buona politica, perché la frammentazione in piccoli presidi ha ragioni spesso clientelari e di consenso politico facile, ma ha generato il deficit sanitario nazionale”. 

Spiega ancora il consigliere d’opposizione: “Ma soprattutto l’esperienza di Roberto Formigoni alla guida della Lombardia lascia l’unica vera riforma in senso liberale che l’Italia abbia conosciuto, quella per cui aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere sono due cose distinte, che garantiscono un mix di offerta sanitaria pubblica e privata accreditata che a sua volta ha consentito di abbattere le liste d’attesa per le prestazioni urgenti ed ha sostanziato il principio della libertà di scelta del luogo di cura. Questa sentenza, che spero possa cambiare nei prossimi gradi di giudizio, non criminalizza 20 anni di buon governo“.

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: