CATEGORIE NEWS

Rimpatrio assistito, altro che permessi speciali

Foto da Milano.repubblica,it(OMNIMILANO) Milano, 09 LUG – “Si insista su progetti che facilitino il rimpatrio assistito, non il permesso di soggiorno speciale”: lo dichiara il capogruppo di Milano Popolare a Palazzo Marino, il consigliere Matteo Forte, a commento del post su Facebook dell’assessore Majorino che propone di estendere anche a Milano le misure speciali introdotte a Torino per i richiedenti asilo a cui non viene riconosciuto lo status di rifugiato ma hanno trovato un lavoro.

“Se un migrante è tale per ragioni economiche, occorre che il legislatore lavori su ingressi legali e alternativi al mare, per scongiurare i viaggi della speranza e regolare i flussi. Per quelli che già oggi sono presenti sul nostro territorio rimane una sola misura: il rimpatrio assistito. L’ho già proposto un anno fa in aula: Milano ha una rete straordinaria di consolati e di realtà del terzo settore impegnate nelle cooperazione internazionale. Si punti sul fare rete, sfruttare i relativi fondi comunitari e accompagnare in viaggi sicuri di ritorno e reinserimento sociale coloro che non hanno diritto a stare nelle nostre città. Altro che permessi speciali“.

Conclude Forte: “L’Ordine del giorno presentato un anno fa, e su cui il Pd ha fatto calare il silenzio in tutti questi mesi, è riproposto all’ordine dei lavori della prossime sedute. Spero sia l’occasione per ragionare su una proposta fondamentale e di buon senso, al di là delle sparate di Renzi e quelle apparentemente di segno contrario di Majorino”.

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: