CATEGORIE NEWS

Rischiamo di consegnare i profughi ai criminali

Foto Omnimilano(OMNIMILANO) Milano, 10 LUG – “Con l’inaugurazione di oggi del nuovo hub in via Tonale, ricavato negli spazi dell’ex dopolavoro ferroviario, non bisogna pensare di nascondere la polvere dell’emergenza profughi sotto il tappeto di uno spazio più ampio di 450 mq”. Lo afferma il consigliere comunale del Polo dei milanesi, Matteo Forte.
“Infatti – spiega Forte – se da un lato si recuperano locali in disuso per accogliere i profughi transitanti in locali più adeguati perché provvisti di bagni e giochi per bambini, dall’altro il rischio è quello di abbandonare piano piano il presidio della stazione centrale rendendo sempre più difficile intercettare i transitanti che fermano in piazza Duca d’Aosta, in attesa che questi ripartano per un altro paese europeo cui chiedere asilo. E abbandonando quel presidio si lascia campo aperto ai numerosi passatori, italiani e stranieri, che in questi mesi hanno avvicinato in biglietteria o sul mezzanino siriani ed eritrei offrendo, si fa per dire, passaggi di fortuna alla volta della Svizzera, dell’Austria o della Germania. E il tutto per la modica cifra di 500/600 euro a persona. Si tratta dei ‘cugini’ di terra degli scafisti che gestiscono la tratta per mare dei profughi. Inoltre non bisogna dimenticare l’allarme lanciato settimane fa dai volontari che accolgono i profughi in stazione circa la sorte di molti minori non accompagnati che finiscono nelle maglie della prostituzione.
Insomma – conclude Forte – il rischio è che da un lato ci rallegriamo per l’apertura di un nuovo punto d’accoglienza, ma dall’altro consegniamo i transitanti nelle mani delle organizzazioni criminali, dismettendo un presidio nel loro primo punto d’approdo, cioè la stazione”.

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: