CATEGORIE NEWS

Scali: le grandi trasformazioni urbanistiche si fanno solo con noi

Foto da blog.urbanfile.org(OMNIMILANO) Milano, 14 NOV – “‘Lo sviluppo della città ha subito una brusca frenata negli ultimi anni, non soltanto a causa della crisi. Nessun grande intervento è stato avviato e alcuni di quelli già avviati si sono arenati: emblematico il caso della bocciatura del piano urbanistico di riqualificazione degli ex scali ferroviari’: questo è quello che constatavamo a pagina 14 del nostro programma elettorale”. Così il consigliere comunale e capogruppo di Milano Popolare, Matteo Forte, nella sua dichiarazione di voto a favore della delibera di indirizzo sugli ex scali ferroviari. “Lo scorso mandato si è chiuso senza lasciare nessuna grande trasformazione urbanistica alla città. E non solo per la crisi economica, ma anche per colpa dell’amministrazione di sinistra. Oggi si gettano le basi per la riqualificazione di 1,2 mln di mq perché il Consiglio comunale tutto detta le linee di indirizzo per un nuovo Accordo di programma con le Ferrovie dello Stato. Perché anche chi, come i consiglieri del centrodestra eletti con il programma di Stefano Parisi, ha partecipato alla stesura della delibera che prevede come obiettivi da raggiungere ciò su cui si era impegnato alle elezioni: parco orbitale, Circle line e housing sociale. Oltre ad aprire al dibattito pubblico la definizione di funzioni e vocazione delle singole aree, che imporrà alla Giunta il ritorno in aula prima di varare ogni piano attuativo”.

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: