CATEGORIE NEWS

Schiaffo alla Lega, la Regione boccia mozione no Ramadan

da Avvenire ed. Milano, del 10 aprile 2024

 

Sorpresa in consiglio regionale sul caso Pioltello. La mozione presentata dalla Lega per chiedere un intervento presso il governo per un giro di vite sulla possibilità delle scuole di chiudere per il Ramadan è stata bocciata con 33 voti favorevoli e 34 contrari. Un vero e proprio schiaffo per la Lega che ha reagito dicendo di essere «l’unico partito contro l’islamizzazione». La mozione chiedeva alla giunta di attivarsi con il governo «per garantire che la normativa statale provveda a regolamentare il tema delle deroghe scolastiche» per «evitare una possibile proliferazione di interruzioni dell’attività didattica», «prevedendo altresì l’introduzione di adeguati strumenti di monitoraggio in capo alle Regioni». Il testo arrivava in aula dopo le polemiche delle ultime settimane partite dall’intenzione di una scuola di Pioltello, l’istituto Iqbal Masih, di chiudere oggi per la fine del Ramadan. Con il voto segreto e con 34 consiglieri contrari l’aula ha però respinto la mozione, firmata dal leghista Davide Caparini. Un risultato che ha fatto esultare le opposizioni che in Aula hanno 30 consiglieri, quattro meno dei voti contro la mozione leghista. Considerando che erano assenti alla votazione, tra le fila delle opposizioni, sei consiglieri sono stati almeno 10 i voti contrari arrivati anche dalla maggioranza.

«Il consiglio regionale ha dato un’ottima dimostrazione di democrazia e rispetto della comunità scolastica e dell’autonomia didattica di Pioltello, bocciando una odiosa mozione della Lega che voleva ancora una volta fomentare l’intolleranza e l’odio» hanno commentato il capogruppo Pd Pierfrancesco Majorino e la consigliera Paola Bocci. «Ancora una volta – ha aggiunto la consigliera del M5s Paola Pizzighini – si spaccano sui temi fondamentali come diritti e scuola. Hanno parlato di tradizione ed è arrivato Giuda a tradire perché alle loro ideologie non ci credono nemmeno loro…»

Per Matteo Forte (Fdi) “non è in discussione la libertà religiosa, ma lo strumento più adeguato per garantire l’esercizio. A Pioltello era stata aggirata la normativa sulla autonomia scolastica, di fatto istituendo una nuova festività. Agli studenti di fede ebraica il Concordato del 1989 assicura la possibilità di assentarsi dalle lezioni scolastiche che si tengono il sabato. Quello è lo strumento giuridico adeguato».

Lapidaria la Lega. «Siamo l’unica forza che si sta opponendo all’islamizzazione della nostra società e il voto di oggi del Consiglio regionale ne è la riprova», hanno detto Alessandro Corbetta, capogruppo della Lega in Regione Lombardia, e il consigliere regionale Davide Caparini.

Condividi articolo:

Potrebbe interessarti anche: